Persone, esperienza e presunzione

persone[1].jpgPersone con poca esperienza concreta e tanta presunzione

Nella vita di tutti i giorni siamo attorniati da migliaia di persone che non lasciano affatto combaciare la propria ben scarsa esperienza posseduta nei casi più importanti della loro vita con la maschera della presunzione dietro la quale amano celarsi, tanto per dar aria a frottole a cui essi stessi alla fine finiscono per credere.

I ragazzi che per non vergognarsi di fronte ai loro coetanei dicono di saper già fumare, frattanto già tossiscono al primo tiro di sigaretta; gli incoscienti che si lasciano influenzare nel fumare gli spinelli tanto per mostrare di essere uomini d’esperienza e senza macchia, salvo poi entrare nel tunnel della droga; i gradassi che dicono di aver già bevuto in vita loro, ma che poi magari si sentono già male al primo bicchiere; le ragazze che dicono di aver già avuto in vita loro chissà quante avventure, laddove poi, al primo rapporto vero, dichiarano di essere vergini.

Ma anche i cantastorie che si beano di avventure con le donne più belle del mondo, salvo poi scoprire una realtà totalmente diversa; oppure ancora i politici ciarlieri che promettono mare e monti ma che poi, all’atto pratico, svaniscono come neve al sole; le persone appartenenti al mondo della musica e dello spettacolo che sparano fior di dichiarazioni di facciata utili solo a rinforzare la loro immagine di fronte ai propri fan; il presidente di una squadra di calcio che garantisce un team da Champions League ma che poi, in sede di mercato, non sa manco costruire una squadra adatta almeno ad un campionato decente.

Insomma, più diamo aria alla bocca più tentiamo di essere creduti nei panni delle persone impavide, sicure e fiere dei propri successi, persone che, se da un lato godono nel farsi amare per ciò che sembrano, dentro di sé non possono che esser tristi per ciò che in realtà sono.

Alberto Ferrero

Persone, esperienza e presunzioneultima modifica: 2010-10-19T21:57:02+02:00da metropolis32
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento